È VERO CHE I DEODORANTI CONTENENTI PARABENI e SALI DI ALLUMINIO PROVOCANO IL CANCRO?

paraben freepng

Risposta: NON È DIMOSTRATO. 

 

L’ipotesi che l’uso dei deodoranti, ed in particolare di quelli contenenti parabeni e sali di alluminio, possa causare il tumore al seno circola da alcuni anni in articoli ed email diffuse su internet.Alla base di tale teoria ci sarebbe l’impossibilità da parte dell’organismo di eliminare sostanze dannose mediante il sudore favorendone l’accumulo e conseguentemente la comparsa di anomalie nelle cellule mammarie dalle quali poi nascerebbe il tumore. Inoltre i parabeni e l’alluminio contenuti nei deodoranti avrebbero un effetto cancerogeno diretto a causa della loro azione sul recettore degli estrogeni cioè i normali ormoni femminili che possono stimolarne la crescita di alcuni tipi di tumori.

Andiamo a vedere cosa è vero e cosa non lo è.


COSA SONO ESATTAMENTE I PARABENI

Schermata 2018-08-11 alle 174009png


Semplicemente dei conservanti usati in numerosissimi alimenti ma soprattutto in prodotti cosmetici (trucchi, saponi, creme) per consentirne la corretta conversazione evitando che in essi si sviluppino agenti patogeni fonte di infezione. I parabeni possono essere assorbiti dalla pelle e la loro struttura fa sì che abbiano proprietà simili ma non uguali a quelle degli estrogeni. In uno studio del 2004 (Harvey P. W. Everett D. J.. 2004. Significance of the detection of esters of p-hydroxybenzoic acid (parabens) in human breast tumours. J. Appl. Toxicol. 24: 1–4.) su poche pazienti è stato dimostrato che tracce di parabeni si sono ritrovate all’interno dei tumori asportati chirurgicamente dalle donne malate. Tuttavia questo studio non ha dimostrato il contrario cioè che i parabeni non ci siano nel tessuto mammario di donne sane. Inoltre, come già detto, l’azione dei parabeni è SIMILE MA NON UGUALE a quella degli estrogeni: la potenza di questi ultimi, che sono ormoni naturalmente presenti in tutte le donne sane, è molto più alta di quella dei parabeni che, pertanto, non riuscirebbero ad essere “efficaci” nella stimolazione dei recettori che stimolano la crescita delle cellule mammarie. La semplice presenza di parabeni in un tumore non ne costituisce per forza la causa. E se ancora avessimo dei dubbi esistono molti prodotti cosmetici che riportano l’indicazione “Paraben free” (Senza Parabeni): basta scegliere quelli per non correre alcun rischio, seppur remoto.


COSA SONO ESATTAMENTE I SALI DI ALLUMINIO? 

SALI ALLUMINIOjpg

Tali composti sono la base dei deodoranti, o meglio, degli anti-perspiranti cioè di quei cosmetici che bloccano le ghiandole sudoripare ed impediscono la crescita dei batteri e conseguentemente lo sviluppo di cattivi odori. In passato è stato ipotizzato da alcuni ricercatori che l’alluminio potesse penetrare attraverso la pelle ed alterare i recettori degli estrogeni presenti normalmente nella mammella favorendo lo sviluppo di tumori. La possibile relazione tra l’uso di deodoranti ed un aumentato rischio di cancro è stata analizzata molto scrupolosamente nel 2016 da una revisione sistematica della letteratura, cioè un “riassunto” di tutti gli studi scientifici che erano all’epoca disponibili (Allam MF - Cent Eur J Public Health. 2016 Sep;24(3):245-247. doi: 10.21101/cejph.a4475. Breast Cancer and Deodorants/Antiperspirants: a Systematic Review). In questa revisione sono stati analizzati tutti gli studi sull’argomento, inclusi due studi sperimentali in cui si confrontavano donne che utilizzavano deodorante e donne che non lo utilizzavano: la conclusione a cui si è giunti è che attualmente non è stato dimostrato da nessuno studio un aumento del rischio di cancro in donne che fanno uso di deodoranti rispetto a quelle che non ne fanno uso, ma gli stessi autori hanno sottolineato come manchino ancora studi di buona qualità su questo argomento.

In definitiva gli studi scientifici a nostra disposizione non hanno MAI dimostrato una correlazione fra uso di deodoranti contenenti parabeni e sali di alluminio e lo sviluppo di cancro al seno, ma un ulteriore sforzo da parte della comunità scientifica è necessario per chiarire definitivamente i dubbi su questo argomento.